LE VIGNE

Negli anni più recenti la famiglia ha ritenuto di valorizzare ed ampliare il proprio patrimonio viticolo e di produrre vini che facessero conoscere la peculiarità di un territorio unico che, per le sue caratteristiche geologiche e climatiche, superò indenne, più di un secolo fa, il flagello della fillossera.

Si è così deciso di puntare prevalentemente sul “Syrah”, presente in Toscana, e segnatamente in provincia di Arezzo, almeno dal 19° secolo (come documentato dal Mondini nel suo testo del 1903 sui vitigni stranieri da vino coltivati in Italia). Da un lato si sono reimpiantate, nel 2006, marze ottenute dalle vecchie viti a piede franco presenti nel podere e, dall’altro, si è fatto ricorso a cloni francesi provenienti dalla regione del Rodano, zona di eccellenza per la tipologia. Da questa vigna origina il vino di punta dell’azienda.

Dalla "vecchia vigna" provengono, oltre al Syrah, uve di altre qualità (Sangiovese, Canaiolo, Grenache, Trebbiano, Malvasia, Crepolino), vendemmiate e vinificate insieme, da cui originano gli altri due vini attualmente commercializzati, il “Pied Franc”, ottenuto dalla vinificazione senza diraspatura di Sangiovese e Syrah, ed “Il passito”, ottenuto da uve sia a bacca bianca che rossa.

Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti

alla passione.

Ovidio

LA PRODUZIONE

Dalla "vecchia vigna" provengono, oltre al Syrah, uve di altre qualità (Sangiovese, Canaiolo, Grenache, Trebbiano, Malvasia, Crepolino), vendemmiate e vinificate insieme, da cui originano gli altri due vini attualmente commercializzati, il “Pied Franc”, ottenuto dalla vinificazione senza diraspatura di Sangiovese e Syrah, ed “Il passito”, ottenuto da uve sia a bacca bianca che rossa.

Nel solco pieno della tradizione, i trattamenti in vigna prevedono l’utilizzo dei soli zolfo e rame, nonché la concimazione verde.

L’esposizione dei filari è a Sud-Sud Est, fattore che consente un’ottimale maturazione delle uve, mentre la densità di impianto prevede, nella vigna di più recente realizzazione, all’incirca 5.000 piante per ettaro, con allevamento a guyot.

Una volta vendemmiate,  tra la fine di settembre e la prima metà di ottobre ed in modo rigorosamente manuale, le uve, dopo un’accurata cernita dei grappoli,  fermentano in tini tronco-conici aperti ovvero in acciaio, senza controllo della temperatura né aggiunte di lieviti selezionati. La maturazione avviene, per i due vini rossi, in barriques di secondo e terzo passaggio, per un periodo da 12 a 24 mesi; il passito, invece, dopo l’asciugatura naturale degli acini per circa due mesi e la successiva torchiatura, affina in caratelli di rovere e/o castagno di capacità fino a 60 litri, per un periodo non inferiore ai due anni.

I NOSTRI VINI

TOSCANA

SYRAH IGT

VINO ROSSO

TOSCANA

PIED FRANC IGT

VINO ROSSO

TOSCANA

IL PASSITO IGT

VINO DOLCE

© Società Agricola Podere Bellosguardo, 2016. All rights reserved. P. IVA 01998530511